kali xpovia (buon anno in greco…)

Hania – Sfakia, km 74


IMG_0891[1]

Ripartenza poco convinta. Le catene, appena cambiate, scricchiolano, ma tengono. Obes docet! le cambieremo ogni 2500 km…
Ezniki odos (la strada nazionale) per una ventina di km. Musica nelle orecchie, musica antitraffico.
Un americanone dalla barba notevole ci viene incontro: “Sono dell’Arkansas, vivo qui da un po’, giro il mondo!”
Puzza all’inverosimile.

IMG_0882[1]

Saliamo un passo, fino a 850 mt.
Marcella ormai va notevolmente piu’ forte di me. Mi devo arrangiare, di mestiere, per tallonarla e solo in discesa riesco a riagguantarla..

IMG_0894[1]

Paesaggio albanese, gole di Imbros e discesa di curve fino ad un plateau. Qui la terra cretese assomigila all’Irlanda. Cambia ogni poco quest’isolona formidabile. Pecore e capre ovunque. Le mucche qui non le hanno ancora scoperte..
Coste rocciose che degradano, sotto forma di sabbia, nel mare.

IMG_0899[1]

Vento e vegetazione a ciuffi isterici: difficile “campare”… accampare…
Chiediamo al guardiano di un villaggio vacanze (chiuso, vista la stagione). Piantiamo i picchetti dietro delle casette bianche..

IMG_0906[1]

Sfakia – Frangokastelo, km 16

Caldo torrido. Si pedala nudi. Sole, sole, sole…
Sfakia e’ un porticciolo delizioso. Un’onda travolge le bici. Paesini scorrono tra la pigrizia delle nostre ruote. Un vialone porta ad una spiaggia di sabbia finissima. Affondiamo dentro di essa.

IMG_0930[1]

Quattro alberi ed un camper ci invitano a restare.
La sera conosciamo Paris, il padrone del camper.

IMG_0924[1]

Paris (Paride), odontroiatra, amante della natura selvaggia.
Ci invita a cena nel suo camper ulktratecnologico. Adora la zona di Frangokastelo. Vive ad Iraklio, in questo momento la sua casa e’ proprio il camper.
44 anni ed una voglia di andarsene con il suo camper in giro per il mondo. Non sappiamo come mai, sara’ l’idea di entrambi di viaggiare, sara’ perche’ gli ispiriamo simpatia, ma ci adotta letteralmente!!
Facciamo anche la doccia nel suo camper. Un lusso..

IMG_0940[1]

Passiamo il capodanno insieme a lui e a dei suoi amici.
Grigliatona super per pranzo. Si magia carne fino allo sfinimento. L’e’ un godere notevole…
La sera l’amico di Paris, Panaiotis (l’uomo che odia viaggiare o anche solo spostarsi da casa e dal televisore) perplesso sulla  nostra salute mentale, ci riempie di domande secche sulla nostra “pazzia”.

IMG_0944[1]

La mattina del primo, vento forte, Eolo si incazza. La tenda poco protetta si piega, si abbassa, si storpia, ma resiste eroicamente. Passiamo il giorno in tenda tra le folate a fare da ancore umane. La sabbia si getta sul telo verde a ondate!

Frangokastelo – Selia, km 27

Vento forte. Ce ne andiamo da Frangokastelo, il suo castello, le sue leggende, le sue spiagge isolate.Troppo vento davvero ancora, anche in strada. Ci rifugiamo tra le mura di una casa in costruzione.

IMG_0950[1]

Selia – Agia Galini, km 51

Nell’interno, scompare il mare dalla nostra vista. Ad Agio Ioannis ci laviamo ad una fontanella (praticamente in mezzo alla strada). Una vallata deliziosa immersa nel silenzio, ricoperta di olivi. Distendiamo la nostra pedalata.

IMG_0956[1]

Dopo non molto pero’ entriamo in uno stradone che spezza l’incanto. Spili e Agia Galini. Siamo troppo tirchi per permetterci un campeggio da 15 euro. Piantiamo la tenda direttamente sul mare protetti da un telo di plastica. Riusciamo anche a lavarci.

Agia Galini – Matala, km 33

Visita archeologica a Festos (il secondo palazzo minico per importanza dopo Knossos).
Caldissimo ancora. Approfittiamo del solleone!
Matala e le sue tombe romane scavate nell’arenaria, che negli anni ’70 sono state occupate da frikkettoni di tutto il mondo. Si vocifera di un favoloso concerto dei Pink Floyd avvenuto da queste parti. Notte in un campeggio chiuso.

IMG_0994[1]

Matala – Sternes, km 51

Strade interne, strade sterrate. Campagna cretese immersa in ulivi. A centinaia, a migliaia. Si pedala e si raccolgono aranci e pompelmi.

IMG_0997[1]

Tantissima gente viene dalla Bulgaria. Lavorano per 35 euro al giorno.
Notte in un campo di ulivi.

IMG_1001[1]

Sternes – Mirtos, km 71

Salita dura  e controvento.  Ad un certo punto il vento e’ talmente forte che rovescia le bici da ogni parte. Si pedala come diavoli attaccati a brandelli di asfalto. Polvere ovunque. Una fatica indecente. I capelli e la testa si piegano ad arginare le folate. Una macchina chiede se vogliamo salire sopra il loro trailer. Rifiutiamo orgogliosamente.
In bicicletta controvento.

IMG_1004[1]

Arriviamo a Mirtos stravolti e senza cibo. E’ il 6 di gennaio, festa nazionale. I negozi sono tutti chiusi. Per fortuna troviamo un signora inglese, di Manchester. Vive a Mirtos da sei anni. Non e’ mai tornata in Inghilterra, non e’ piu’ andata da nessuna parte. Semplicemente Mirtos.

IMG_1006[1]

In realta’ il paesino sul mare e’ popolato da molti stranieri. Tantissimi olandesi. Anche un coppia di signori che si godono la pensione girellando con bici e borse. Fanno gli stessi nostri chilometri. Tenacissimi.
Nona notte consecutiva in tenda, si puzza a bestie!!

IMG_1008[1]

Trackback URL

, , , ,

13 Commenti per "kali xpovia (buon anno in greco…)"

  1. Betty
    07/01/2010 @ 16:32 | Permalink |

    Ciao ragazzi,finalmente posso scriverevi qualcosa !!La chiavetta non aveva troppa linea!!
    Complimenti : sembra di essere con voi …..tra le descrizioni e le foto !!
    Un domani, Bernardo, tu scriverai un diario ,ma Marcella ,
    spero, pubblicherà un libro con queste spettacolari FOTO !!
    Vi voglio bene baci mamma BETTY

  2. Ubaldo
    08/01/2010 @ 12:25 | Permalink |

    Seguo sempre il Vs cammino!
    Un buon anno a Voi con un po’ di invidia per la vostra avventura!!!!
    Baci cari Ubaldo

  3. Francesca
    08/01/2010 @ 14:47 | Permalink |

    Buon anno in ritardo, per non essere da meno mi sono sparata viaggietto 10 giorni zaino in spalla per le spiaggie della tailandia! Che bello! Sole e fiume di colori e calore!
    buon proseguimento, vi seguo e vi penso

  4. paola
    08/01/2010 @ 22:59 | Permalink |

    non ci posso credere che posso essere in contatto con Voi!!!! avrei voluto farmi sentire per la befana, sarebbe stato un intervento più appropriato, ma sono stata troppo impegnata e così arrivo a voi un pò in ritardo, ma spero sappiate apprezzare il dono che vi porto: tanti, tanti, tanti baci e un forte abbraccio.
    statemi bene!!
    con affetto
    paola (ciga)

  5. Filippo&Vio
    09/01/2010 @ 11:24 | Permalink |

    Oh budellini in bicicletta, come state?!? Buon anno ed un abbraccio!!!! ^^

  6. tanina
    09/01/2010 @ 14:19 | Permalink |

    buon anno amici!!! guardando le vostre foto ho proprio capito che voi avete capito tutto della vita!!
    marcina però mi manchi un sacco…e un pò anche be
    buon anno e continuate a godere in questa maniera!!
    tanti bacini (anita sta strillando…vado!)

  7. Strega Stroppolosa
    09/01/2010 @ 18:10 | Permalink |

    ARRIVOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    E preparatevi perchè vi consumerò di abbracci!!!!!!!!!!
    Ricetta affinchè rimanga un po’ di carne intorno alle ossa:
    almeno a 7 giorni dall’arrivo (quindi siete a pelo, ma ancora in tempo)consumare tre volte al giorno burro di ovino (tanto lì gira voce crescano dagli alberi assieme agli agrumi) spalmato su una pagnotta grande come la circonferenza della ruota della vostra bici, occhio a non confondere le due (pagnotta e ruota) se no vi toccherà pedalare con le orecchie.
    uno schiocco di dita e sono da voi!
    baci a iosa
    Francy

  8. Marcello & Barbara
    10/01/2010 @ 17:52 | Permalink |

    Ciao ragazzi e buon anno !!!!! Niente sosta invernale ? Dopo la fuga di Natale pensate di fermarvi oppure proseguite senza sosta ?

    Baci
    Marcello

  9. Daniele
    11/01/2010 @ 23:41 | Permalink |

    belle foto ragazzi .. altro che, proprio belle …

    un abbraccio!
    D

  10. Claudio Scarabelli
    12/01/2010 @ 12:53 | Permalink |

    Ciao Ragazzi, buon anno anche se in ritardo, ma ne vale la pena, visto che sarà credo per voi molto intenso. Complimenti anche per la grande costanza nell’aggiornare il vostro bel blog! Seguirvi viene naturale, ed è anche bello sentirvi un po’ vicini e sentire di spingervi un po’ su per le salite…Bravi, forza così!

  11. Luca&Roby
    12/01/2010 @ 21:06 | Permalink |

    ciao belli!!augurissimi con leggero ritardo per un nuovo anno di grandi e indimenticabili pedalate.ma che foto ci state facendo con la G9?sono bellissime!un’abbraccio da due che vi seguono sempre…

  12. Marina e Antoine
    16/01/2010 @ 17:28 | Permalink |

    Ciao Berna e Marcella,
    finalmente vi scriviamo anche noi ! Per augurarvi un felice inizio di questo nuovo anno, e per esservi un po’ vicini, anche se siamo lontani !
    Vi pensiamo sempre e vi abbracciamo forte…

  13. Michele
    17/01/2010 @ 11:47 | Permalink |

    ciao be guarda tuo fratello su internet incredibile ma vero. sinceramente un pochino mi manchi ,sto lavorando tanto .al contrario tuo,cmq divertitevi dai un bacio alla marce.

Ciao Anonimo, lascia un commento:

Tag XHTML permessi nei commenti:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Feed RSS per i Commenti