Modena, stazione di Modena, per Firenze, Teheran, Lhasa si cambia…

DSCN3406

Sono solo due trenini sbuffanti oppure due ciclisti-viaggiatori carichi come muli.

18 ottobre 2009: dunque è vero… i due partono e partono in bici a pedalare per quanti kilometri? con quale tempo?  che fame! con quante mutande? con quanti assorbenti?CIMG3256

ma ce l’avranno la tenda? e i visti? ed il satellitare? forse sarebbe utile il GPS? o   avranno le mappe???

“Servono gambe buone e muscoli d’acciaio” già me lo sento brontolare il vecchio dal naso appeso all’insù, che scruta il tempo per capire gli uomini…

DSCN2020

MODENA-OSPITALETTO, km 36

Partenza televisiva; parenti ed amici fino a CastelVetro, pranzo nel parchetto con dei bignè geniali (grazie Sara); la salita fino a Ospitaletto: “Forza giovani, è dura”, urla un omino sulla motoretta.
Marco, la Vale e Viola (la Famiglia Giannone, eheh). Uno spicchio di Sicilia in terra d’Emilia.

DSCN3403

Cena di amici, mamme, babbi e tigelle..

OSPITALETTO-SANTOMATO (PISTOIA), km 110
Freddo e salite; emozione a Montese, tra le patate. “un pranzo da brividi”. Un ex-camionista ci riconosce come “i ragazzi del Tibet”. Ci ha visti in TV.. incredibile!
Discesa e la Porrettana, Pàvana arriva tra i miei urli: “FRANCESCO”, Guccini si intende… già me lo vedo all’improvviso attraversare la strada “con quel suo maglione (rosso) sformato su un paio di jeans”.
DSCN4439 Invece i nostri occhi incrociano solo quelli degli Elfi, che ci scambiano per matti.
Pistoia, ai piedi del Passo Collina, la Sambuca Pistoiese alle spalle. Cartelli con sopra scritto “Modena”, Marcella non sbaglia strada, fila via dritta e tenace, orgoliosa tra il blu dei suoi borsoni, raggomitolata dentro al gore-tex.
Giretto turistico a Pistoia, si sembra “due alieni”…
Ci perdiamo cercando Santomato, mi innervosisco. “Alberto non sono mai stato così contento di vederti..”
Gatti, tantissimi ed una cena luculliana. Caminetto acceso e l’ospitalita meravigliosa della famiglia Agresti.

DSCN4442

SANTOMATO (PISTOIA)-FIRENZE, km 35
Pedivelle al sole d’ottobre; in poco siamo a Prato. Si passa dal Salvi, per un thè ed un saluto.
La piana continua, trafficatissima. Calenzano, Sesto, Firenze. Bandiere viola ed i miei in terrazza…Emozioni…Stanchi, ora si riposa!!

Trackback URL

, , , , , , , , ,

7 Commenti per "Modena, stazione di Modena, per Firenze, Teheran, Lhasa si cambia…"

  1. Fillo (Pippo)
    24/10/2009 @ 13:05 | Permalink |

    Ciao Marci, Ciao Be,
    come state?? passavo di qui e ho letto tutti i post!!!Mi disp tantissimo non essere riuscito a venire al vostro pranzo!!! Il vigaggio come prosegue??? Vorrei essere un sacco lì con voi!!
    Un abbraccio forte….forze e coraggio il Tibet non è poi così lontano!!!=)
    Fillo

  2. Leif Karlsson
    25/10/2009 @ 20:00 | Permalink |

    Ciao Marcella e Bernardo,

    Sono una guida turistica (ciclismo e trekking) svedese, che da cinque anno sono stato qui a Firenze, e come ciclista mia piace andare lontano anche io, ma non come voi comunque.

    Era stato un piacere vedervi a Tavarnuzze oggi, e capire voi siete andando a Tibet, un bel viaggio, che coraggio avete voi due.

    Posso dirvi Buona Pedalata?

    Cordiali Saluti,
    Leif Karlsson
    Florence By Bike

  3. paolo
    25/10/2009 @ 20:43 | Permalink |

    ciao ragazzi!

    grazie del bel pranzetto a firenze e buon proseguimento.
    ci vediamo a bari presto!

    casa pace vi aspetta.

    paolo

  4. wolf
    26/10/2009 @ 10:47 | Permalink |

    non potei partecipar alla colazione del 25 neppur salutar bene marcella, e mi duole.
    ma se riesco a rallentarvi un po’ con pioggia e neve ci incontreremo dove è già scritto nel post precedente al presente, cioè a bari, grande porto italiano

    andrea detto wolf

  5. Pilutz
    26/10/2009 @ 14:39 | Permalink |

    Ragazzi quante emozioni…
    Sono contento di aver condiviso con voi anche solo una microscopica parte delle pedalate che vi separano dalla meta; vedervi sgusciare via oltre la curva mi ha fatto venire un nodo alla gola; mi ha svelato improvvisa, oltre la festa e il vino, oltre la naturalezza e la normalità del vostro andare, la grandezza di quello che state facendo.
    Un abbraccio forte…
    Buon viaggio ragazzi!

  6. Boaz
    26/10/2009 @ 19:25 | Permalink |

    Ciao ragazzi!
    Grazie prima di tutto per avermi fatto riesumare la bici da corsa, che giaceva irragnatelata in cantina…
    Secondo, vi avevo salutato in bici a Istanbul, vi ho risalutato in bici al Ferrone.. è stato emozionante anche per me vedervi andare, e andare, e andare…
    Buon viaggio! Portateci con voi, ma solo idealmente, un s’abbia a pesare troppo!!
    p.s.per la europe assistance a Lhasa fate un fischio, non si sa mai..

  7. Tiziano
    26/10/2009 @ 22:17 | Permalink |

    ciao!
    non ho mai avuto modo di conoscervi di persona(purtroppo) nelle tante volte che ci siamo visti all’equilibrium.
    volevo solo dirvi complimenti, siete forti!

Ciao Anonimo, lascia un commento:

Tag XHTML permessi nei commenti:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Feed RSS per i Commenti